Quella difficoltà tutta sessista nel riconoscere le malattie delle donne

Si chiama dismenorrea, ma la irridono come “scusa per non lavorare”. Si chiama endometriosi, ma la sminuiscono come “scusa per non alzarsi dal letto”. Se una malattia colpisce una donna, allora non è una malattia: è una scusa, è una fictio, è un cercare attenzione, una forma d’ozio, una dissimulazione. Quando in realtà è solo…

Lo stigma del congedo di Paternità, in Italia

Vi ricordate il vecchio welfare? Caratteristica dei moderni stati di diritto che si fonda sull’applicazione del principio di uguaglianza, art 3 della costituzione? Seguendo i temi di attualità, che ci vedono uniti/e nello sconfessare il motto di considerare la fertilità come un bene comune della nazione, disarticolandola dal desiderio e dalla volontà delle eventuali madri,…

È il linguaggio ad esser maschilista o è maschilista l’uso che ne facciamo?

Avvocato, scienziato, sindaco, medico. Ma non avvocata, scienziata, sindaca, medica? Ma suona così male! E’ l’obiezione più ricorrente contro i femminili come architetta, assessora, chirurga. Si tratta di sostantivi che indicano lavori, o cariche, in passato riservati agli uomini, ma perfettamente regolari dal punto di vista grammaticale. Allora il problema qual è? E’ il sostantivo…