Pubblicità e infanzia: Audi contro il sessismo del marketing dei giocattoli

Quante volte avete sentito dire che le macchinine non sono giocattoli per bambine? Quante volte vi hanno detto che le donne non sanno guidare? È ora di abbattere questo pregiudizio, di smettere di catalogare le attività e le passioni in base al genere. Lo sa bene la casa automobilistica Audi, che ha prodotto per la…

Lo stigma del congedo di Paternità, in Italia

Vi ricordate il vecchio welfare? Caratteristica dei moderni stati di diritto che si fonda sull’applicazione del principio di uguaglianza, art 3 della costituzione? Seguendo i temi di attualità, che ci vedono uniti/e nello sconfessare il motto di considerare la fertilità come un bene comune della nazione, disarticolandola dal desiderio e dalla volontà delle eventuali madri,…

Libri e risarcimento morale. Cosa non va nella sentenza del caso del cliente dei Parioli

La notizia è di due giorni fa: nel processo a carico di un cliente di bambine prostitute, che coinvolse due ragazzine di 14 e 15 anni nel 2013, la Giudice Paola Di Nicola decide di non accogliere la richiesta di 20.000 euro per danni morali avanzata dalla curatrice responsabile dell’iter riabilitativo della ragazza Cinthia De Concilis.…

È il linguaggio ad esser maschilista o è maschilista l’uso che ne facciamo?

Avvocato, scienziato, sindaco, medico. Ma non avvocata, scienziata, sindaca, medica? Ma suona così male! E’ l’obiezione più ricorrente contro i femminili come architetta, assessora, chirurga. Si tratta di sostantivi che indicano lavori, o cariche, in passato riservati agli uomini, ma perfettamente regolari dal punto di vista grammaticale. Allora il problema qual è? E’ il sostantivo…