Non strumentalizzate Montalcini

« Una piccola signora dalla volontà indomita e dal piglio di principessa. »

(Primo Levi)

Si è spenta, oggi, uno tra gli esseri umani più preziosi di cui disponesse il nostro paese: Rita Levi Montalcini. Scienziata, neurologa, senatrice a vita e Premio Nobel per la medicina.

levi-montalcini-nobel

Una donna che ha dedicato la sua esistenza agli altri, facendo scoperte importantissime per l’umanità:

Negli anni cinquanta le sue ricerche la portarono alla scoperta e all’identificazione del fattore di accrescimento della fibra nervosa o NGF, scoperta per la quale è stata insignita nel 1986 del premio Nobel per la medicina. Insignita anche di altri premi, è stata la prima donna a essere ammessa alla Pontificia Accademia delle Scienze.Il 1º agosto 2001 è stata nominata senatrice a vita “per aver illustrato la Patria con altissimi meriti nel campo scientifico e sociale”. È stata socia nazionale dell’Accademia dei Lincei per la classe delle scienze fisiche ed è stata tra i soci fondatori della Fondazione Idis-Città della Scienza.

La vita di questa donna potrebbe essere la lampante risposta a chi dichiara che nessuna donna abbia fatto qualcosa di rilevante nella storia.

 

rita-levi-montalcini-10”Geneticamente uomo e donna sono identici. Non lo sono dal punto di vista epigenetico, di formazione cioè, perchè lo sviluppo della donna è stato volontariamente bloccato. La donna è stata bloccata per secoli. Quando ha accesso alla cultura è come un’affamata. E il cibo è molto più utile a chi è affamato rispetto a chi è già saturo”.

Questo pensava Rita Levi Montalcini. A noi piace ricordarla così.

Ci piace ricordarla con la risposta che diede a Storace quando la trattò come una vecchia rimbambita a cui mandare le stampelle.

montalcini-storace

Per non farci mancare nulla ricordiamo anche quando Grillo, per avvalorare le solite tesi strampalate secondo cui Montalcini aveva ottenuto il Nobel grazie a una ditta farmaceutica che materialmente le aveva comprato il premio, la etichettò “vecchia puttana”

Qualcun’altro invece ha pensato di trarre una frase senza specificare in che contesto e situazione sia stata detta, senza citare una fonte effettiva della provenienza giusto per dividere, per l’ennesima volta, le donne:

“Le donne che hanno cambiato il mondo non hanno mai avuto bisogno di mostrare nulla, se non la loro intelligenza”

E spacciando tutto ciò per femminismo.

Rita Levi Montalcini era una donna ribelle, forte e determinata, che seppur provenisse da una famiglia con abitudini fortemente vittoriane —e quindi con chiare imposizioni sociali e ruoli ben definiti tra uomini e donne , con un padre che la ostaggiò non poco, convinto che una carriera professionale avesse interferito con i doveri di una moglie e di una madre, decise di iscriversi alla facoltà di medicina all’università di Torino —; sicché non ci sembra la frase migliore per commemorarla.

Tra l’altro, ringraziamo quella sua sceltà di opporsi al padre, non solo per quello che ha lasciato a livello scientifico ma per non essersi piegata ai suoi voleri conservatori.

Non crediamo assolutamente a quella frase, che è stata come al solito strumentalizzata nei tritacarne quali sono troppo spesso  i social e condivisa da persone che non hanno neanche lontanamente idea chi sia questa donna.

Si può essere nude e pensanti, vestite e totalmente piegate ai sistemi e superficiali o non pensanti. Dobbiamo ancora specificarlo?

Dobbiamo ancora specificare che gli abiti e la nudità non implicano la dignità e l’intelligenza di una donna?

Non strumentalizzate l’intera esistenza di questa donna con le vostre smanie conservatrici e con la cattiva abitudine, dura a morire, di dividere le donne in sante e puttane e quindi in intelligenti e non.

ritaLe donne possono tutto. Con o senza mutande.

 

Post scritto il 30/12/2012

Seguimi anche su twitter: @Plathona

Precedente Un punto di vista femminista sulla crisi dei rifugiati e delle rifugiate in Europa Successivo Le donne che non vogliono figli: fredde, egoiste, con disagi e inquinanti