Non abbiamo bisogno del femminismo. Ecco perché.

Abbiamo scoperto i motivi per cui oggi non abbiamo più bisogno del femminismo. E vorremmo condividerli con voi.

Ricordate I don’t need feminism?
Si diffonde in questi giorni anche una sua versione italiana, che alle istanze antifemministe ne aggiunge di razziste e spregiudicatamente maschiliste ( tanto da farci chiedere: ma saranno davvero delle donne quelle dietro Donne contro il femminismo? )

Le motivazioni principali per cui le donne ( o presunte tali ) si dicono NON femministe sono:

l’amore per gli uomini ( il luogo comune che le femministe odino gli uomini è portato avanti soprattutto da uomini maschilisti )
l’antivittimismo ( giusto, ma che spesso sa di “io non sono una vittima, quindi non mi interessa di chi lo è”)
l’amore per la famiglia ( e l’idea che una famiglia possa essere solo etero, piena di figli e improntata su ruoli sociali prestabiliti )
la voglia di femminilità ( perché le femministe sono tutte pelose, brutte e non scopano. Si sa. )

Dopo aver cercato di spiegare e di spiegarci il perché di tanto antifemminismo, dopo aver fatto autocritica e dopo aver criticato, siamo arrivate alla conclusione che l’antifemminismo finora non è stato sincero.
Non sono quelli i veri motivi per cui non si ha bisogno del femminismo oggi.

E allora ci siamo dette: diffondiamoli noi i veri motivi per cui non essere femministe.
Li trovate tutti sul tumblr nadladiesnadladies.tumblr.com.

Così almeno mettiamo le cose in chiaro e chi urla “vaderetro” al femminismo può dirsi soddisfatta di sapere a cosa va incontro!

 

 

 

husband

 

Non ho bisogno del femminismo perché mio marito ha il diritto di picchiarmi. Glielo dà la cultura patriarcale, glielo garantisco anche io. E queste femministe qui, che mi dicono che lui non ne ha il diritto, imparassero a tenersi stretto un uomo, che sono tutte zitelle.

housewifecapofamiglia

 

Non ho bisogno del femminismo perché tutto ciò che voglio è prendermi cura del capofamiglia. Le femministe dicono che il capofamiglia non esiste più e che alla casa e alla prole dovrebbe pensarci anche lui, ma io in quanto donna allora che ci sto a fare?

fat_0x440 - Copia

 

Non ho bisogno del femminismo, da quando ho abbandonato tutte le mie ambizioni. E non mi serve quindi che nessun movimento mi aiuti a dimostrarne la necessità a realizzarle. Avessi ancora un sogno, un desiderio, la voglia di emanciparmi… ma no, ho chiuso con tutto questo!

nonho6

nonho4

 

 

Non ho bisogno del femminismo perchè è giusto che il mio datore di lavoro mi metta le mani addosso, o che venga molestata, se indosso abiti succinti. Si sa, gli uomini hanno bisogno di sfogarsi, sono focosi, sta a noi tenerli a bada. Se li tentiamo con un sorriso, una minigonna o lavorando per loro… è normale che reagiscano.

 

nonho7

 

Non ho bisogno del femminismo perché è giusto che le donne guadagnino meno degli uomini. 
In fondo, a noi donne che servono i soldi, l’indipendenza economica, sono loro che hanno il diritto di lavorare, non noi.

 

nonhoNon ho bisogno del femminismo perché una donna senza figli è incompleta. E le femministe invece non fanno altro che dire che la maternità è una scelta o persino che l’aborto è un diritto.
Il nostro ruolo biologico è il nostro destino. E se una donna si sottrae al suo destino deve essere costretta a rispettarlo!

Tutti i motivi per non essere femministe li trovate qui

Se siete dotate di buona dose di ironia e ve ne viene in mente qualcuno, inviateci le vostre foto!

3 pensieri su “Non abbiamo bisogno del femminismo. Ecco perché.

  1. Mi pare strano che abbiate fatto autocritica, dato che cominciate con :”Non ho bisogno del femminismo perché mio marito ha il diritto di picchiarmi”, “Non ho bisogno del femminismo perché tutto ciò che voglio è prendermi cura del capofamiglia”, “Non ho bisogno del femminismo perchè è giusto che il mio datore di lavoro mi metta le mani addosso, o che venga molestata, se indosso abiti succinti” .

    nessuno delle persone che ha aderito alla campagna “i don’t need feminism” ha mai detto e pensato ciò, sono state date motivazioni nettamente diverse. Ma voi continuate a voler proporre un modo di pensare che non corrisponde alla realtà per chi non condivide la vostra stessa ideologia…un mondo dove la bambina a cui piace giocare con le bambole e le principesse deve vergognarsi e sentirsi inferiore a quella a cui paice giocare a calcio: perchè sicuramente se le piace il rosa non è suo gusto personale ma perchè lei stupida o vittima da riconvertire a gusti più giusti!
    Per quanto mi riguarda non ho bisogno del femminismo perchè ritengo di essere una persona sufficientemente dotata di cervello per poter rifelttere sulle cose ed elaborare un MIO pensiero, e non dover pensare per forza quello che le femministe pensano che io debba pensare “sennò sei maschilista!”. E non ho bisogno del femminismo perchè, se è vero che non devo lasciare anche un uomo mi dica quello che devo pensare…non devo lasciare questa incombenza nemmeno a una donna. Ovvero, non è che dev essere d’accordo con tutto ciò che dicono le femministe solo perchè loro sono donne . ritengo che la violenza sia grave su chiunque venga esercitata: per me il ragazzo sfregiato qualche giorno fa con l’acido dalla ex è sullo stesso identico piano di Lucia Annibali (e non “meno grave” in quanto uomo); ritengo che la maternità osteggiata dai datori di lavoro sia un problema, non che a una bambina piaccia giocare a Barbie o con la cucinetta. Ritengo che la mamma assassina sia da punire e condannare esattamente come il padre assassino (e non, come le femministe, che uno è una bestia immonda e l’altra sempre e comunque una povera vittima da capire e giustificare).
    Ho il vostro permesso?

    • Permesso accordato. E se può interessarti per noi il ragazzo sfregiato qualche giorno fa con l’acido dalla ex è sullo stesso identico piano di Lucia Annibali (e non “meno grave” in quanto uomo); riteniamo che la maternità osteggiata dai datori di lavoro sia un problema, non che a una bambina piaccia giocare a Barbie o con la cucinetta. Riteniamo che la mamma assassina sia da punire e condannare esattamente come il padre assassino.
      Quello che abbiamo proposto in questo post è una visione ironica di quell’atteggiamento antifemminista che è più pedante della pedanteria di certo femminismo vittimizzante o retorico. Dire di non aver bisogno del femminismo per le motivazioni che tu esprimi ad esempio è già di per sé un equivoco perchè addossi alle realtà femministe delle istanze che non sono loro, ma solo di una sparuta parte di donne normalmente privilegiate che pensano solo al diritto della donna bianca etero e benestante. Per noi la questione femminista è una questione politica, contro le discriminazioni e per la parità dei sessi, per l’emancipazione sessuale, contro l’omotransfobia e per il diritto a essere differente.
      Per cui se la bambina vuole giocare con le Barbie è liberissima, ma se è l’unico gioco che le si propone è ovvio che lo farà.

  2. Io vorrei almeno ogni tanto leggere una critica al femminismo che non mi faccia dire WTF. Una critica un attimo fondata, una critica che mi costringa a riconoscere l’intelligenza di chi la porta avanti, una critica con cui magari non concordo, ma che capisco. Invece leggo sempre un mucchio di cose fuori da ogni realtà. Il femminismo vuole le donne che sottomettono gli uomini. Le femministe credono che le donne siano meglio degli uomini. Le femministe odiano gli uomini. Le femministe sono misandriche. Le femministe si lamentano sempre (invece l’eterna lamentela dell’unica cosa che infastidisce un uomo, la legge sul divorzio, quella è sempre giusta e sacrosanta). Le femministe pensano che se ammazzi una donna è più grave che ammazzare un uomo. Le femministe non pensano che un uomo stuprato abbia di che lamentarsi.
    Tutte cose che non stanno né in cielo né in terra. Frequento molte pagine femministe, non sono sempre d’accordo su tutto, a volte mi è capitato di scontrarmi con le admin, ma non ho mai trovato qualcuno che pensasse le cose che ho sempre sentito dire contro le femministe. Mai. Certo, a volte il gruppo faceva un po’ branco e capitava che certe situazioni venissero viste un po’ troppo a favore di una lei, ma sono situazioni che ho contato sulla punta delle dita, per il resto, qualunque opinione estremista e che non incoraggiasse all’uguaglianza e alla parità veniva aspramente criticata da tutti. A volte ci capitava qualche ragazzo che diceva di vergognarsi di essere uomo, e tutte gli rispondevano che non doveva, che non c’era alcun motivo.
    Io non dico che le femministe debbano stare simpatiche per forza. In fondo con la simpatia non si è mai conquistato niente. Ma per favore, basta idiozie, basta cose inventate, basta prendere delle idiote e degli idioti e indicarli come il/la femminista tipo, perché la femminista tipo non esiste. Non siamo un partito politico, ognuno vive il femminismo a suo modo. C’è chi è pro prostituzione legale, c’è chi la considera schiavismo, ci sono un mucchio di voci diverse. Il problema è che praticamente nessuno mette in dubbio che uomini e donne siano persone e in nessun caso uno dei due generi debba sottomettere l’altro.

I commenti sono chiusi.