#lottomarzo Scioperiamo perchè

L’8 marzo in Italia e in 40 altri paesi di tutto il mondo le donne si fermeranno. E’ sciopero globale delle donne.
Partita dall’Argentina nel 2015 la marea femminista si è diffusa. In Italia è stata guidata dalla rete di Non Una Di Meno e l’otto Marzo scenderà rumorosa nelle piazze e per le strade. Per riprenderci questa data, la libertà, le nostre vite.

Ci fermiamo dal lavoro produttivo, quello sempre più sottopagato e sfruttato. Ci fermiamo dal lavoro riproduttivo, quello di cura, quello gratuito, quello che ci raccontano spettare alle donne quasi come destino biologico.

L’8 Marzo non andiamo a lavoro, non cuciniamo, non andiamo a fare la spesa.

L’8 Marzo scioperiamo.

Scioperiamo perchè non vogliamo più sentire parlare di raptus e di dramma della gelosia. Continuamo a chiedere un giornalismo differente, che non colpevolizzi le donne e che non fornisca alibi ai carnefici.

Scioperiamo perchè la violenza di genere contro le donne non venga più trattata in maniera emergenziale, ma ne vengano riconosciute le profonde radici strutturali e su quelle si agisca in maniera preventiva.

Scioperiamo perchè l’educazione di genere non sia più bersaglio di fanatici e fascisti e nelle scuole possa proliferare e moltiplicarsi attraverso discipline e pratiche didattiche.

Scioperiamo perchè vogliamo reddito per autodeteminarci. Senza l’indipendenza economica non possiamo agire la nostra libertà e diventa più difficile liberarsi da una relazione violenta.

Scioperiamo perchè i centri antiviolenza ricevano finanziamenti adeguati per portare avanti il loro prezioso lavoro basato sulle pratiche femministe.

Scioperiamo perchè gli obiettori di coscienza escano da tutti gli ospedali pubblici. Vogliamo decidere noi sui nostri corpi e sulla nostra salute.

Scioperiamo perchè non ci siano più frontiere. Per la libera circolazione di tutti e tutte, contro le pratiche detentive e razziste.

Scioperiamo perchè non vogliamo più essere rappresentate sempre e solo come vittime. Non siamo passivi oggetti di tutela, ma soggetti agenti e desideranti.

Anche quest’anno quindi potete tenervi le mimose, noi vogliamo la rivoluzione e l’8 Marzo andremo a prendercela

Come scioperare
Dove scioperare

 

 

 

 

 

Precedente La violenza non è un'emergenza Successivo Il video virale della BBC ha una sola protagonista ed è Jung-un Kim