Come crescere figl* omofobi, figlie sottomesse, figl* degli anni ’20 e diventare nonni a 40 anni.

Dodici strumenti di autodifesa dalla teoria del gender, per genitori con figli da 0 a 18 anni – ovvero “Come crescere figl* omofobi, figlie sottomesse, figli degli anni ’20 e diventare nonni a 40 anni.”

GUEST STAR di questo post:

Il Forum delle Associazioni familiari dell’Umbria  (Che si sta preparando a contrastare i famosi libretti contro il bullismo omofobo con tutta la serietà di cui è capace)

Cosa fare prima di scegliere la scuola per i vostri figli

1. Prima dell’iscrizione verificate con cura i piani dell’offerta formativa (POF) e gli eventuali progetti educativi (PEI) della scuola, accertandovi che non siano previsti contenuti mutuati dalla teoria del gender. Le parole chiave a cui prestare attenzione sono: educazione alla affettività, educazione sessuale,omofobia, superamento degli stereotipi, relazione tra i generi o cose simili, tutti nomi sotto i quali spesso si nasconde l’indottrinamento del gender.

Questa teoria del gender, infatti è pericolosissima. Insegna che le persone nascono con caratteri sessuali biologici intorno ai quali la società costruisce il genere, ovvero quell’insieme di comportamenti che ti rendono “donna” o “uomo”, ma che sono imposti, non innati. E quindi, occhio che  non si faccia educazione all’affettività, è dannoso insegnare che ci si può innamorare di una persona dello stesso sesso! Guai a parlare di educazione sessuale! Superare gli stereotipi, ma per carità! Ci indrottrinano i figli e rischiamo di avere una figlia astronauta e un figlio che prende il congedo di paternità, delle sciagure che non possiamo sopportare. Invece a noi piace che i figl* si sentano in colpa perché si sentono attratt* da persone dello stesso sesso, ma che ci diano dei nipotini in giovane età, perché non usano quelle bruttissime cose che sono i contraccettivi, magari malati di sifilide, visto che nessuno insegna loro nulla del sesso sicuro (bandito, visto che l’educazione sessuale non ci piace) e che tirino le pietre a omosessuali e lesbiche.

astronauta

Cosa fare all’inizio dell’anno scolastico

2. Durante le elezioni dei rappresentati di classe esplicitate la problematica del gender e candidatevi ad essere rappresentanti oppure votate persone che condividano le vostre posizioni in materia. In ogni caso tenetevi informati con gli insegnanti, i rappresentanti di classe e di istituto per conoscere in anticipo eventuali iniziative formative in materia di “gender”.

Mi raccomando, esplicitiamo bene la nefanda teoria del gender che tanti danni produce. Spieghiamo bene, nei dettagli, che quella eretica di Simone de Beauvoir (“De Bauvoir chi? ” “No, no, nessuno… probabilmente una pericolosissima lesbica, racchia e pelosa che cercava di omosessualizzare l’umanità. Sopravvalutata.”) quando disse “On ne naît pas femme, on le devient”  era probabilmente sotto effetto di stupefacenti. E mi raccomando, circondiamoci solo di persone che la pensano come noi: il confronto infatti, è pernicioso. Non si sa mai che ci siano opinioni differenti.

simone

Cosa fare durante l’anno scolastico

3. Controllate ogni giorno quale è stato il contenuto delle lezioni e almeno una volta a settimana i quaderni e i diari scolastici, parlandone con i vostri figli. Non siate in alcun modo pressanti verso i figli ma siate coinvolgenti e attenti al loro punto di vista, pronti a render ragione della vostra attenzione.

4. Visitate spesso il sito internet della scuola per verificare che il gender non passi attraverso ulteriori lezioni extracurricolari (es. Assemblee di istituto o altre attività straordinarie).

Oh mamma! E se i nostri figli sono di quelli che dimenticano regolarmente quaderni e diari come facciamo? Non possiamo controllare! E se sono disgrafici e non capiamo quello che scrivono? E se per caso sono di quegli adolescenti che non parlano con noi? E se, oggesùgiuseppemmaria! un giorno nostr* figli* brucia la scuola e noi non veniamo a conoscenza di subdole manovre omosessualizzanti e miranti a cancellare le discriminazioni di genere? 
120312disgrafia1

Cosa fare se la scuola organizza corsi sul gender per genitori o insegnanti

5. Se le lezioni sulla teoria del gender sono dirette a genitori o insegnanti, chiedete la documentazione e confrontatevi con le associazioni di genitori o col Forum delle associazioni familiari della vostra regione per verificare e valutare i contenuti proposti, spesso lontani dalle verità scientifiche.

Vero. Non è abbastanza scientificamente provato che se un ragazzo, superando gli stereotipi di genere, per caso carica una lavatrice, non perde la sua virilità.  E non abbiamo alcuna verità scientifica sul fatto che una ragazza che fa l’amore senza essere preparata rischia una gravidanza indesiderata e malattie varie.

Non sono cose abbastanza provate.

casali-lavatr

Cosa fare se la scuola organizza lezioni o interventi sul gender per gli studenti

6. Date l’allarme! Sentite tutti i genitori degli studenti coinvolti e convocate immediatamente una riunione informale, aperta anche agli insegnanti

7. Chiedete (è un vostro diritto!) di conoscere ogni dettaglio circa chi svolgerà la lezione, che contenuti saranno offerti, quale delibera ha autorizzato tale intervento formativo, quali sono le basi scientifiche che garantiscono tale insegnamento

8. Dopo la riunione informale potrete chiedere la convocazione d’urgenza di un consiglio di classe straordinario per discutere della questione, eventualmente inviando una lettera raccomandata al dirigente scolastico e per conoscenza al dirigente dell’ufficio scolastico provinciale in cui chiedete le stesse informazioni e, qualora tale intervento non sia previsto dal piano dell’offerta formativa, chiedere che sia annullato.

9. Informate immediatamente le associazioni dei genitori del territorio e il forum delle associazioni familiari e, eventualmente, i consiglieri comunali e regionali del vostro territorio o i vostri parlamentari di riferimento. Ricordatevi che più la notizia è diffusa meglio è.

“All’attenzione dell’intero pianeta: ai nostr* figl* stanno per insegnare che l’amore omosessuale è semplicemente amore, che esistono i contraccettivi, che una ragazza può scegliere se e quando diventare madre, che un ragazzo può cambiare un pannolino senza che gli cada il pisello, che chi discrimina gli omosessuali si chiama omofobo e che una donna può decidere di non sposarsi e di viaggiare da sola, di fare l’amore con tutt* quell* che vuole, restando sempre e comunque una donna. Vi renderete tutti conto del gravissimo danno che questo potrebbe produrre all’intera società?”

donna-in-vacanza

Cosa fare se la scuola vuole comunque costringere i vostri figli a ricevere educazione basata sulla teoria del gender nonostante le vostre iniziative

10. Nel caso in cui la scuola rifiuti di ascoltare ogni vostra richiesta, inviate una raccomandata al dirigente scolastico e per conoscenza al dirigente provinciale in cui chiedete che l’iniziativa sia immediatamente sospesa e comunicate che in caso contrario eserciterete il vostro diritto di educare la prole come sancito dall’art. 30 della Costituzione e che pertanto, nelle sole ore in cui si svolgeranno tali lezioni terrete i vostri figli a casa

11. Fatevi aiutare dalle associazioni di genitori o dal Forum delle associazioni familiari per ogni azione più decisa quale, ad esempio, la segnalazione al ministero di eventuali abusi oppure eventuali ricorsi al TAR oppure per la redazione di formali diffide.

E non dimentichiamo di  chiamare la Polizia, i Carabinieri, la Guardia di Finanza, i Vigili del Fuoco, la Buoncostume e la Dia. I Marines, l’FBI, Superman e Batman. Wonder Woman no, perché è troppo “gender”, sarà sicuramente lesbica.

PS. Invece se ai nostr* figl* vogliono insegnare che le donne non possono scegliere se e quando diventare madri, non dobbiamo tenerl* a casa: le troppe ore perse comprometterebbero la loro valutazione complessiva

wonder-woman

Cosa fare IN OGNI CASO

12. Custodite i vostri figli, alleatevi con loro, fornite loro fin da ora un adeguato supporto formativo e scientifico in base alla loro età così da proteggerli e prepararli a fronteggiare la teoria del gender. Spiegate loro il perché di ogni vostra azione, coinvolgendoli nelle scelte della famiglia. Fate in modo che non si sentano mai soli in ogni vostra iniziativa, ma coinvolgete anche altri genitori e conseguentemente anche altri loro compagni di classe. L’unione fa la forza. Anche in questo caso.

Se abbiamo figli omosessuali o figlie lesbiche, no. E nemmeno se abbiamo figli che portano i capelli lunghi e amano aiutare a cambiare i pannolini ai più piccoli o figlie che giocano a calcio. Loro non li dobbiamo né sostenere, né amare. Sono contronatura. Spiegheremo loro che li ripudiamo in quanto diversi. Coinvolgiamo gli altri genitori e incoraggiamo loro ed i loro figl* a insultare, discriminare o negare il diritto di esistere della nostra prole, così deviata.

E andiamo avanti così, ops, indietro. A noi piace il ventennio fascista.

lascuo1

 

Precedente Chi ha paura del "Libro cattivo"? Successivo Sbianca i tuoi genitali con "Clean and Dry"